Duolingo è lo strumento più diffuso al mondo per l'apprendimento delle lingue. E ancora meglio, è gratis al 100%!

https://www.duolingo.com/nofarshasha

perche usare il passato remoto nelle traduzioni???

Scusatemi pero secondo me se vogliamo tradurre per bene gli articoli in italiano, dobbiamo tradurli in italiano corretto.Dopotutto questo e' il compito di un vero traduttore.Il passato remoto per quanto io sappia si usa per descrivere cose che sono successe anni fa e non un momento fa.

4 anni fa

8 commenti


https://www.duolingo.com/Feardorcha

L'uso del passato remoto non è uniforme neanche in Italia, figuriamoci nella traduzione da lingue straniere e soprattutto dall'inglese, in cui nel 90% dei casi c'è il solo past simple. Per esempio, in Toscana il passato remoto si usa anche per riferirsi ad azioni che si sono svolte una settimana fa, mentre in altre regioni non si usa praticamente mai.

Personalmente, quando traduco da Wikipedia frasi che si riferiscono anche a pochi anni fa tendo ad usare quasi sempre il passato remoto, perché li considero fatti ormai facenti parte della "storia".

4 anni fa

https://www.duolingo.com/Luigic1957

Il passato remoto si usa quando ci si riferisce ad una unità di tempo che è finita, può essere il giorno, la settimana, il mese ecc e non fa riferimento ad un certo ammontare di tempo fa; al contrario il passato prossimo serve per descrivere cose che sono accadute in un periodo che non è ancora finito. Sebbene l'uso dei due tempi è diverso dal nord al sud d'Italia, dove si usa rispettivamente di più il passato prossimo ed il passato remoto

4 anni fa

https://www.duolingo.com/itastudent
itastudent
  • 17
  • 14
  • 10
  • 9
  • 2

In inglese il passato prossimo è in realtà ben più raro del passato remoto. Pertanto, molte volte ti troverai in inglese cose al passato remoto che in Italiano tradurrai al passato prossimo e, viceversa, avrai bisogno di tradurre molti passati prossimi in italiano con passati remoti in inglese. Ci sono delle regole per sapere quando scegliere uno o l'altro, ma dipende anche dal tipo di inglese in cui stai traducendo. Ad esempio, nell'inglese americano credo che il passato prossimo sia persino più raro che nell'inglese britannico.

4 anni fa

https://www.duolingo.com/nofarshasha

sono completamente d'accordo con te se dici che le cose che traducci usando il passato remoto sono cose da te considerate facenti parte della storia. pero ho notato che un sacco di persone usano il passato per parlare di cose che sono successe non molto tempo fa..il fatto che in alcuni dialetti e' molto comune il passato remoto non vuol dire che e' corretto usarlo nell'italiano ufficiale (che e' il dialetto fiorentino) per chi non lo sa...

4 anni fa

https://www.duolingo.com/ciampix
ciampix
  • 25
  • 14
  • 4
  • 495

eh si...

4 anni fa

https://www.duolingo.com/donatron

Tradurre significa mettere in relazione non solo due lingue, ma anche due contesti e due culture. Per fare una buona traduzione occorre in primo luogo porsi domande sul genere di testo e sul tipo di lingua che viene usato e poi occorre trovare forme corrispondenti per la lingua di arrivo (quella in cui stiamo traducendo). Se il testo originario è in inglese standard devo tradurlo con l'italiano standard non mi interessano le forme nelle diverse varietà dell'italiano. Riferendomi quindi alla questione del past tense, se il documento in inglese è in standard devo tradurlo o rispettando la regola dell'italiano, per cui se l'unità di tempo a cui il parlante fa riferimento è conclusa allora uso il passato remoto, oppure l'unità di tempo è recente e uso il passato prossimo. Un'alternativa è scegliere l'italiano dell'uso medio (neo-standard come viene anche chiamato) come varietà di arrivo e quindi uso il passato prossimo.

4 anni fa

https://www.duolingo.com/Testoni_Andrea

Al nord si usa sempre il passato prossimo ma dalla toscana in giù usano spesso anche il passato remoto. Sono di Milano e lo so bene. Quindi miglioriamo il nostro italiano inserendo il passato remoto, quando serve. Ciao.

4 anni fa

https://www.duolingo.com/FrancescoN41

La discussione su passato prossimo e passato remoto è vivace ed attiva di seguito alcuni contributi della Crusca:

La scelta del passato prossimo e del passato remoto non dipende dalla distanza temporale degli avvenimenti; dipende dalla collocazione che diamo a questi rispetto al momento in cui ne parliamo e dal "punto di vista" dal quale li consideriamo, cioè dall'atteggiamento con cui percepiamo il passato. Usiamo il passato prossimo per esprimere un'azione compiuta o un accadimento che "lasciano tracce" (come diceva Giacomo Devoto) nel presente. Usiamo il passato remoto per manifestare il distacco, e quindi la lontananza, di tali avvenimenti dal momento in cui ne parliamo. Dobbiamo perciò intendere remoto nel suo significato etimologico di "separato", "staccato", "rimosso"; e prossimo come indicante vicinanza o attualità psicologica.

http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/sulluso-passato-remoto

http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/ancora-sulluso-passato-remoto

4 anni fa